Da Umberto Galimberti a Gianni Riotta, i grandi "maestri" del Buon Vivere per le scuole

Uno dei pubblici di riferimento della Settimana del Buon Vivere è quello dei giovani delle scuole, a cui il programma dedica una gran mole di eventi. Il concetto di "Buon Vivere" per le nuove generazioni passa attraverso la promozione degli stili di vita salutari, ma anche nella consapevolezza che il dialogo e la riflessione sui grandi temi dell'esistenza è una componente fondamentale della crescita e del benessere personale.

L'incontro con Umberto Galimberti – a cura della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e della Cassa dei Risparmi – è il primo in programma, venerdì 3 ottobre all'auditorium Carisp di Forlì alle ore 10. Un dialogo sulla "filo-sofia" che si interroga sul suo significato per la vita e nella vita. «E se non volesse dire "amore della saggezza" ma "saggezza dell'amore", così come "teologia" vuol dire discorso su Dio e non parola di Dio, o come "metrologia" vuol dire scienza delle misure e non misura della scienza? Perché per filosofia questa inversione nella successione delle parole?», si chiede Galimberti.

Sempre venerdì 3 ottobre alle 10, ma a Santarcangelo di Romagna, presso l'aula Magna dell'Istituto ITSE Rino Molari, si parla di sicurezza stradale, un tema in cui i giovani sono purtroppo spesso protagonisti in negativo, sia come vittime che come protagonisti di episodi in cui viene messa a rischio l'incolumità propria e degli altri. L'abuso ha molte forme, non solo quello di sostanze, ma anche quella dell'invio imprudente di un sms alla guida. Se ne parlerà a tutto campo e senza filtri con due grandi esperti: il responsabile del 118 di Cesena, Enrico Farabegoli, e il presidente nazionale di Asaps, Giordano Biserni.

Sempre venerdì mattina alle 10, al "Pellegrino Artusi" di Forlimpopoli, gli chef più rappresentativi del territorio condividono i propri segreti con gli studenti degli Istituti Alberghieri di Romagna. Intervengono Giuliana Saragoni (Chef Locanda del Gambero Rosso), Roberto Casamenti (Chef Osteria La Campanara), Pier Giorgio Parini (Chef Locanda del Povero Diavolo) e Simone Zoli (Ristorante Don Abbondio).

Un altro appuntamento è quello con Gianni Riotta, già direttore del TG1 e del Sole 24 Ore. Il tema è «Comunicazione e Conoscenza: manuale d'uso 3.0», perché spesso i giovani "nativi digitali" non hanno a disposizione gli strumenti e la capacità di distinguere nel web informazioni utili da informazioni inutili, ciò che è vero da ciò che è un falso. L'appuntamento è sabato 4 ottobre alle 10 in salone comunale a Forlì.

Alla stessa ora a Rimini la nutrizionista Sara Biondi incontrerà gli studenti per aiutare i ragazzi a orientarsi tra falsi miti e leggende che arricchiscono le corrette abitudini di un'alimentazione sana ed equilibrata.

Mangiare bene e mantenersi in forma, infatti, sembra facile, a volte quasi banale, ma è facile perdersi seguendo le diete del momento e le soluzioni dell'ultimo momento trovate sul web o sui social network.

Sempre sabato 4 ottobre alle 10, ma al Pala De Andrè di Ravenna, il dialogo è ancora su alimentazione sana e sport sano, con la Porto Robur Costa Volley, la nutrizionista Sara Farnetti e il medico sportivo Alfredo Calligaris.

L'evento - in collaborazione con CMC - è l'occasione per rimarcare come lo sport non sia solo pratica sana e necessaria per una crescita equilibrata, ma anche un potente strumento di comunicazione e disseminazione di buone prassi, alimentari e non solo.